Le scale pentatoniche - Classical & FingerStyle Guitar

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le scale pentatoniche

Teoria musicale

La scala pentatonica (chiamata anche scala pentafonica) è una scala formata da cinque suoni. E' priva di semitoni e si compone di intervalli di seconda maggiore e di terza minore fra suoni contigui (ad esempio: Do-Re-Mi-Sol-La). E' tipica di molte musiche extra-europee e si ritrova spesso utilizzata anche in alcune antiche melodie europee. Sembra che abbia origini mongole e giapponesi ed ha una collocazione molto importante in tutta la musica dell'Estremo Oriente, dell'Africa e delle popolazioni celtiche.
Il modo pentatonico rappresenta il primo approccio per ogni chitarrista che voglia sperimentare l'improvvisazione e viene spesso accostato al Blues in considerazione della sua somiglianza con la scala blues.

In generale il modo pentatonico si costruisce sulla scala maggiore utilizzando il 1°, 2°, 3°, 5° e 6° grado della scala.

La
scala pentatonica maggiore è definita dai seguenti intervalli: [T-T-(T+ST)-T-(T+ST)]. Ad esempio la scala pentatonica maggiore di Do sarà : Do-Re-Mi-Sol-La-Do

La
scala pentatonica minore è definita dai seguenti intervalli: [(T+ST)-T-T-(T+ST)-T]. Ad esempio la scala pentatonica minore di La sarà: La-Do-Re-Mi-Sol-La

La caratteristica di minore è data dall'intervallo di tre semitoni (terza minore) tra la prima e la seconda nota della scala.

Come si può vedere nell'immagine che segue, le due scale pentatoniche hanno tra di loro lo stesso rapporto che esiste tra la scala maggiore e la scala minore diatonica: dalla maggiore alla minore si scende di tre semitoni - dalla minore alla maggiore si sale di tre semitoni.



Infine, la scala pentatonica maggiore di Do e la scala pentatonica minore di La avranno le stesse note e gli stessi intervalli.

Classical & FingerStyle Guitar 2011
(all rights reserved)
Torna ai contenuti | Torna al menu